La Flora della Laguna

L’elenco floristico dell’intero compendio (De Martis et al., 1983) conta 466 specie. Costanti raffronti con l’elenco floristico del Casu (l.c.) hanno evidenziato alcuni importanti cambiamenti: vi sono ben 73 specie in meno rispetto al 1911 (in cui ne erano state censite 539 ); 178 non sono state ritrovate, sostituite da 105 nuove specie per lo stagno.

Di queste ultime 15 risultano essere avventizie coltivate, naturalizzate o spontaneizzate, di origine americana e australiana; 8 specie sono nuove per lo stagno e la flora sarda; una è un endemismo sardo-corso nuovo per lo stagno. In diminuzione rispetto al 1911 le specie mediterranee e quelle terofitiche, le idrofite (l’unica nuova presenza è quella dell’Althenia filiformis), le emicriptofite. In aumento le geofite, indice generale di degrado.

Le caratteristiche della vegetazione sono in relazione soprattutto alle variazioni della salinità delle acque e dei suoli dei terreni circostanti.
Nell’area delle vasche delle saline di Macchiareddu, tuttora in attività, si riconosce l’associazione Chaetomorpho-Ruppietum, che forma praterie acquatiche in cui sono presenti angiosperme quali Ruppia maritima, R. cirrhosa, Potamogeton pectinatus, ed alghe tra le quali Enteromorpha intestinalis, Cladophora sp., Ulva sp.
Sui suoli circostanti vegetano specie alofitiche quali Arthrocnemum fruticosum, A. glaucum, Halocnemum strobilaceum, Salicornia europaea, Salsola soda ed altre (associazioni Puccinellio festuciformis-Sarcocornietum fruticosae; Arthrocnemo macrostachy-Halocnemetum strobilacei).
Sulle zone più elevate, cenosi ad Atriplex halimus con Artemisia arborescens (associazione Atriplici halimi-Artemisietum arborescentis), o con Suaeda vera in netta dominanza (associazione Suaedo verae-Atriplicetum halimi).

Dal sito dell'associazione per il Parco Molentargius - Saline - Poetto http://www.apmolentargius.it/laguna-di-santa-gilla/

Le fotografie presenti in questo sito sono di proprietà dell'autrice. Non è consentita la loro riproduzione non autorizzata